Ed  eccoci arrivati alla fine del concorso Racconta il Tuo Viaggio, dopo un viaggio dei più particolari: quello attraverso i vostri racconti, le vostre foto, le vostre preferenze, le vostre emozioni. Forse chi ha pubblicato un racconto o chi li ha votati non ha avuto il tempo per leggerli tutti, ma noi della Redazione si e, recensendo -o provando a recensire- ognuno dei vostri testi abbiamo viaggiato, un pò nel vostro mondo e un pò nei ricordi.

E’ come leggere una raccolta, un insieme di cose distinte che in quel momento diventa un unicuum, in cui tutto concorre: quindi leggere di un posto quasi sul tetto del mondo dell’Islanda, o vedere una foto dell’acqua cristallina della Sardegna, o un tramonto tra gli ulivi della Puglia, o una mucca in un negozio in India o, ancora, la foto di una strada buia di Milano e leggere, osservare, cercare di capire cosa si può sentire scattando una foto, scrivendo di un viaggio, distinguere il modo di scrivere di ognuno di voi e, allo stesso tempo, andando avanti con i testi e le immagini, essere arricchiti da quello che si è appena visto o letto.

E per questo, per aver dedicato del tempo a condividere con noi le vostre esperienze, i vostri racconti di viaggio, le vostre immagini, vi ringraziamo, e un grazie particolare va anche a chi ha votato e -credo- ha letto o guardato come noi, per poi scegliere.

All’estrazione dei vincitori manca poco e fortunati lo siamo un pò tutti, noi che possiamo partire, vedere, viaggiare, fotografare, condividere, in un mondo che è così tanto grande e che pare diventare sempre più piccolo, un pò per gli aerei un pò per il world wide web, un pò perchè possiamo comunicare in tempo reale da qualsiasi posto, possiamo mandare un sms o una mail o un whatsapp o un tweet o videochiamarci; possiamo salire su un aereo e partire, possiamo andare al mare in inverno e a sciare d’estate, possiamo fare un safari o camminare per le strade dell’India, possiamo fare tutto quello che vogliamo, quando lo vogliamo e come lo vogliamo.

L’unica cosa che davvero manca è il tempo: un pò di più tempo per se la sera quando si torna dall’ufficio, il tempo per viaggiare, per rilassarsi, per fare una passeggiata, per leggere un libro o vedere un bel film, il tempo per andare a correre o quello per dedicarsi agli amici. E sembra che il tempo sia sempre più prezioso, e ce ne sia sempre meno, perchè tutto corre e scorre all’impazzata e il nuovo è già vecchio; quindi il tempo che ci avete dedicato è prezioso, tanto quanto lo è stato leggere di voi, che avete fatto delle vostre esperienze il vostro volto e del vostro volto le vostre esperienze.

Continuate a seguirci, presto saranno pubblicati i nomi dei concorrenti vincitori!